Archivi tag: Lab

Goodbye: ovvero l’arte di liberarsi dal male

Questo articolo propone un’immagine che chi è venuto ai miei corsi e ai miei seminari conosce bene. In quei contesti è sempre l’ultima che propongo, e non a caso è stata battezzata Goodbye: è un’immagine di commiato, adatta alla fine di un percorso, breve o lungo. Continua la lettura di Goodbye: ovvero l’arte di liberarsi dal male

Lo strano caso di ACR 8.1

Vi ricordate Dumbo? Era convinto di essere in grado di volare solo tenendo nella proboscide una piuma magica. In realtà la piuma non aveva nulla di magico e gli serviva soltanto per aumentare la sua fiducia in se stesso.

Per strano che possa sembrare, qualcosa di simile accade anche nell’ultima versione di Adobe Camera Raw, la 8.1 comparsa assieme a Photoshop CC. Per spiegare di cosa si tratta, andiamo in ordine. Da qui in avanti utilizzeremo l’abbreviazione ACR per indicare il plug-in. Continua la lettura di Lo strano caso di ACR 8.1

Un bianco e nero versatile: un’azione

L’articolo pubblicato ieri sul Metodo di Gorman-Holbert ha ricevuto più attenzione di quanto mi aspettassi. In particolare, uno degli utenti di questo sito, Luca Negri, mi ha inviato privatamente un’azione di Photoshop da lui realizzata che non solo implementa la prima parte del metodo (i passi da 1 a 9, in pratica) ma la espande in una direzione molto interessante. Dopo averla provata ho proposto a Luca di metterla a disposizione su questo sito e lui ha entusiasticamente accettato – motivo per cui lo ringrazio sentitamente. Continua la lettura di Un bianco e nero versatile: un’azione

Un bianco e nero versatile

In un recente articolo relativo alla conversione in bianco e nero comparso sul blog di Alessandro Mallamaci vengo citato in merito al principio (ben noto ed enunciato da Dan Margulis, non certo da me) che un’immagine ha dieci canali. Continua la lettura di Un bianco e nero versatile

Un trucco estivo in Lab

Una delle cose che preferisco è contraddire me stesso sulle cose non essenziali: pochi giorni fa ho annunciato che il blog si sarebbe preso una pausa estiva, e quella era (ed è) l’intenzione. Oggi mi sono però trovato ad affrontare un problema abbastanza diffuso specialmente in questo periodo e ho trovato una soluzione semplice ed elegante che rischia di funzionare abbastanza bene in generale, così ho pensato subito di farne un articolo. Continua la lettura di Un trucco estivo in Lab

Sharpening: in quale metodo colore?

Una domanda post-corso

Ho ricevuto una mail da Simone Sirgiovanni, uno dei partecipanti al CCC di Milano svoltosi poco meno di un mese fa. La domanda postami da Simone è d’interesse generale, e con il suo permesso ho ritenuto che fosse meglio rispondergli pubblicamente qui sul blog piuttosto che in privato: il presente articolo nasce da questo. Continua la lettura di Sharpening: in quale metodo colore?

Il Lab più falso della storia

Uno spazio aperto

Quando ho iniziato a scrivere in questo blog, qualche mese fa, speravo che avrebbe potuto nascerne una specie di spazio aperto per discussioni sul colore: spazio unilateralmente moderato, lo ammetto, ma gli oltre trecento commenti comparsi a seguito dei miei post negli ultimi mesi mi lasciano ben sperare per il futuro. Alcuni di questi commenti sono per me particolarmente interessanti, perché impattano casualmente (o forse no) su argomenti sui quali sto meditando da un po’ di tempo. Il mio ultimo articolo, ad esempio, ha suscitato un commento da parte di Luca Negri che riporto qui sotto: Continua la lettura di Il Lab più falso della storia

Cogito ergo Lab (un tributo a Cartesio e altri)

Una nuova caTEgORIA

Questo articolo, oltre che il 2013, inaugura una nuova categoria in questo blog: l’ho denominata Teoria. Non spaventatevi: gli articoli teorici non tratteranno di cose eccessivamente astruse. Il loro scopo è solo quello di suggerire in maniera spero intuitiva alcuni concetti di base, talvolta mediante paragoni e modelli non del tutto canonici. In particolare, lo scopo di questo articolo è mettere in evidenza alcuni parallelismi tra i metodi colore e altre strutture matematiche di facile comprensione, in modo da suggerire dei possibili punti in comune tra mondi apparentemente scollegati. Inoltre vorrei introdurre un modello tratto dalla fisica per illustrare una delle caratteristiche più sfuggenti del metodo colore Lab. Insomma, come avrete capito stavolta la prendo larga: anzi, larghissima. Continua la lettura di Cogito ergo Lab (un tributo a Cartesio e altri)

Photoshop: una luce, un’ombra – pt. 2

Nella prima parte di questo articolo ho esaminato in dettaglio i motivi per cui è essenziale impostare un punto di luce e un punto d’ombra corretti in un’immagine; ho discusso quali sono i valori canonici (in RGB) da dare a questi punti; ho esaminato il problema della loro neutralità; e ho collegato la prassi di non bruciare le luci a un fastidioso effetto che si può manifestare nel momento in cui la fotografia passa dal monitor alla carta, ovvero viene stampata. In questa seconda parte vorrei esaminare alcune ulteriori immagini che presentano qualche difficoltà in più di quella già analizzata e impostata correttamente nella parte precedente. Entriamo subito nel vivo della questione. Continua la lettura di Photoshop: una luce, un’ombra – pt. 2

Photoshop: una luce, un’ombra – pt. 1

Recentemente ho ricevuto una richiesta di chiarimenti su uno specifico argomento trattato nel mio videocorso di lettura del colore pubblicato da Teacher-in-a-Box. È una domanda che sembra ripetersi periodicamente: come individuare correttamente i punti di luce e i punti d’ombra in una fotografia? Ho deciso di scrivere questo post per cercare di dare una trattazione sistematica ed esaustiva dell’argomento con degli esempi pratici. Come sempre, applico la mia filosofia di base: insegnare qualcosa senza motivare il perché questa cosa si debba fare è controproducente. Allora andiamo a monte del problema e iniziamo con una domanda più fondamentale di quella riportata sopra. Continua la lettura di Photoshop: una luce, un’ombra – pt. 1